La guerra degli elementi II – Il varco dell’apocalisse [recensione]

COVERAutore: Veronika Santiago
Edizione: digitale (1,99€) e cartaceo (15,21€)
Dimensioni: 1590 KB
Lunghezza stampa:  386
Casa editrice: Youcanprint Self-Publishing (1 gennaio 2014)

Trama: Non è stato facile per Duncan, Aisha, Dean e Aurora accettare di essere gli Eredi dei Reggenti di Atlas e contenere il potere elementale che ne deriva. Con l’aiuto degli abitanti di OgniDove sono riusciti a salvare il quinto elemento ma gli Altri Eredi non sono stati sconfitti e rappresentano ancora una minaccia. Una visione di Aisha mostrerà l’avvento di un imminente catastrofe e ad OgniDove riprenderà l’addestramento.Antichi rancori, fomentati da vicende perse nel remoto passato, si insinueranno subdoli e prepotenti nel presente degli Eredi costringendo tre di loro ad abbandonare il proprio cammino per tornare alla vecchia vita oltre la Nebbia che protegge OgniDove.Verranno così sconvolti piani e alleanze e gli Altri Eredi ne approfitteranno per portare a termine il loro ambizioso piano: scatenare l’Apocalisse. Comincerà così, tra enigmi e visioni, la ricerca del varco che porterà sul pianeta le Quattro Forze Esiliate. Proprio quando la storia sembra destinata a ripetersi con inquietante precisione, gli Eredi si batteranno tra loro per impedire la fine del mondo.

Link
Amazon  IBS

Ho sempre detto di essere stramaledettamente lenta a leggere. Da dicembre a marzo, poi, ho avuto la sessione d’esami più lunga della mia vita. Ma eccomi qua a recensire il secondo volume della Guerra degli Elementi.

Nonostante io sia così lenta, questo è uno di quei libri che mi ha assorbita. Leggere otto capitoli in due giorni per me è un record, (quattro per completarlo) eppure volevo sapere cosa sarebbe successo a ognuno dei protagonisti. Anche a quelli (quella) che non mi piacevano. Eppure anche i più antipatici hanno il loro perché. È  il loro vissuto che li rende ai miei occhi così veri. Ho già parlato di loro nella scorsa recensione, quindi non approfondisco più di tanto il loro carattere, ma li ritroviamo esattamente come li abbiamo lasciati: scettici riguardo la loro condizione, assorbiti dal loro destino o disperati per le verità scoperte.

I quattro Eredi hanno recuperato Angel e sono dunque in vantaggio rispetto alla loro controparte, ma non è contro di loro che devono combattere, almeno all’inizio. Non tutti hanno accolto il loro destino, a qualcuno sta molto stretta quella nuova vita di predestinazione e, quando diverrà difficile capire dove terminano i ricordi e i sentimenti degli attuali Eredi e iniziano quelli degli antichi Sovrani, controllare i propri impulsi diverrà impossibile. La storia d’amore che mi era parsa così forzata nel primo, qua esploderà e spargerà i pezzi attorno a tutti e quattro gli Eredi. Duncan sarà costretto a fare la prova della Grotta; Dean, stanco di aspettare, deciderà di partire da solo; Aurora torna a casa e infine Aisha rimarrà da sola sull’isola a cercare di mettere assieme i cocci. In tutto questo caos di sentimenti e situazioni, il gruppo formato dagli Eredi nemici sembra decisamente più compatto dei protagonisti. Conosciamo dunque Gloria, Liam, Brianna, Alistair e ci addentriamo maggiormente nella vita di Duncan. Dopo averli intravisti nel primo volume, finalmente veniamo a conoscenza dei piani e dei desideri dei nuovi Sacerdoti degli elementi. Lo stile a tratti alto, ma il  cui lessico si adatta sempre al punto di vista trattato in quel momento, risulta perfetto per raccontare le vicende di queste anime che contengono in sé una scintilla molto antica. Fra tutti, però, spicca Angel, l’Erede dell’Etere. Un fantasma silenzioso che sembra dover sparire da un momento all’altro, diventa fondamentale per guidare la storia nella giusta direzione.

In questo nuovo episodio, le due fazioni si combatteranno per raggiungere per primi il Varco dell’Apocalisse: gli abitanti di OgniDove cercheranno di fermare i quattro cavalieri, mentre il gruppo capitanato dalla Guida cercherà di riaprilo per epurare questo mondo. Più gli scontri aumentano e più i ricordi si vanno vivi e pressanti, le certezze si sgretolano e si ribaltano. OgniDove è davvero dalla parte della ragione?

Nello stile vorrei sottolineare come non esista un solo punto di vista, ma tutti ci vengono mostrati. Possiamo sentire i pensieri praticamente di chiunque, ma questo non crea difficoltà nel capire chi sta parlando. È un libro dove a farla da padrona sono i rapporti tra personaggi, dove l’amicizia non è semplice e l’amore non è quello rosa patinato tipico dei romance. Anzi. Io adoro questo tipo di racconti, in cui c’è sì un’importanza preponderante data ai sentimenti, ma collocata in una trama che prosegue e che non diventa mai pesante. Non so bene come spiegare questa sensazione finale, spero abbiate capito. Il mondo non gira intorno ai patemi di Aurora, Dean, Aisha o Duncan, ma i loro atti influenzano il mondo che li circonda, facendoli a volte cadere in errore nelle loro scelte.


Di solito non metto il costo del libro, ma questa volta mi sento di consigliarvi questa lettura dato anche il prezzo molto basso della versione digitale: 1,99 € per un racconto davvero ben scritto con molti richiami alla filosofia greca (per chi li dovesse notare, altrimenti resta in ogni caso una lettura molto piacevole).


Della stessa autrice

I – Gli eredi di Atlas
III – La tempesta del tempo
IV – I manoscritti del destino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...