Scrittura | F.A.Q. #2 ~ Ebook e e-reader

⇐Faq#1

Eccomi al secondo appuntamento. Oggi parlerò delle varie marche. Ci saranno parecchi link ipertestuali che vi porteranno sulle pagine dedicate.


Differenza tra le varie marche

Queste sono le marche che conosco io, se siete a conoscenza di altre, fatemelo sapere. Parto con quelle più semplici e più economiche.

Inserirò come citazioni piccole mie impressioni.

Tolino: Non possedendolo, non so bene che formati supporti e non trovo un elenco esaustivo. Con sicurezza so che legge PDF, epub e TXT.  Ha creato un’app dedicata per cellulare e PC collegate a un cloud online. Si lega alla piattaforma IBS.

Personalmente, non ne ho ricevuto una buona impressione. L’ho visto qualche volta nei negozi affianco ad altri, ma mai, giuro mai, l’ho trovato perfettamente funzionante. Non che fosse spento, erano proprio rotti con la pellicola dello schermo sollevata. Tuttavia chi lo ha comprato, si è trovato bene. Potrebbe essere migliorata come marca o quelli in esposizione essere davvero fragili. 

Pocket Book: questo mi è praticamente sconosciuto. Ha sede a Lugano ed è del 2007, lo scrivo perchè davvero è la prima volta che ne sento parlare, eppure esiste da tanto. Formati: PDF, PDF(DRM), EPUB, EPUB(DRM), DJVU, FB2, FB2.ZIP, DOC, DOCX, RTF, PRC, TXT, CHM, HTM, HTML, MOBI.

Ho visto solo una recensione su YT, ma devo dire che mi piace davvero tanto la grafica interna. Non avendolo provato personalmente, non so come funzioni, tuttavia sembrerebbe impossibile prendere appunti sul libro stesso, causa bruttissima posizione della tastiera. Se siete persone a cui non interessa scribacchiare sui libri, potrebbe essere una valida alternativa ai reader più costosi. Per me, che uso molto il lato note, potrebbe diventare complesso acquistarlo.

Kobo: legato al circolo Mondadori. Sfato un mito: il suo formato ideale non è l’epub, ma il kepub (kobo epub, ne parlerò nel dettaglio in i formati). Legge pressoché tutto, molti hanno memoria espansibile. Non tutti, ma non è neanche così strettamente necessaria. Non ha un cloud dedicato ma è aperto a moltissimi store online.
Formati: EPUB, EPUB3 (Nota: Kobo Original e Kobo Wi Fi non supportano EPUB3), PDF, e MOBI, JPEG, GIF, PNG, BMP, TIFF, TXT, HTML, RTFCBZ.

Tutti i reader descritti sopra hanno accesso al prestito bibliotecario noto come MLOL. Probabilmente sussistono differenze qualitative, ma non avendo a portata di mano tutti questi reader, posso solo dirvi che Kobo non mi ha mai dato veri problemi. Ho un vecchio modello Touch, non viene più prodotto, ma funziona ancora benissimo e gli aggiornamenti continuano a installarsi anche sul mio. Su come acquistare e come spostare i libri all’interno del device, arriveranno come articoli.

Kindle: L’unico tra i reader ad avere un formato proprietario, il MOBI. È legato a una singola piattaforma (rimando a conversioni per ulteriori approfondimenti). Rispetto ai lettori epub, ha diversi vantaggi. Primo fra tutti, Kindle Unlimited, una sorta di Netflix libresco con abbonamento di 10€ annui (cliccate sul link per ulteriori dettagli), Prime Reading per i clienti Prime, un cloud dedicato, la possibilità di inviare ebook tramite mail e il convertitore da PDF a MOBI. Non ho ancora capito come funzioni, c’è chi dice che il convertitore funziona bene e chi si lamenta delle solite problematiche che la conversione crea. Tra i contro, riscontriamo: si è legati a un solo negozio (so che non è propriamente vero, ma di base si è legati ad Amazon), in stand by appare una pubblicità di un libro che potrebbe piacerti (lo metto tra gli svantaggi, perché con il Kobo, ad esempio, posso mettere la copertina del libro che sto leggendo). Non usufruisce del prestito MLOL.
Formati: Kindle 8 (AZW3), Kindle (AZW), TXT, PDF, MOBI non protetto, PRC nativo; HTML, DOC, DOCX, JPEG, GIF, PNG, BMP con conversione

Formati

Gli ebook hanno formati diversi. Non aspettatevi nulla di approfondito, serve solo a comprenderne le differenze.

DOC e simili (ODT, RTTF…): sono i formati usati dai programmi di videoscrittura più comuni (Word, Libreoffice, Openoffice…). A meno di essere protetti in qualche modo, sono sempre modificabili da alcuni programmi. Vorrei aggiungere che leggere un .doc o un .odt con un programma diverso da quello creato (esempio un .doc creato con Word ma aperto con Libreoffice), può creare problemi di impaginazione.

PDF: è un’estensione inventata dalla ditta Adobe. Permette la condivisione di documenti. Non scendo nel dettaglio, ma può contenere più o meno quello che contiene il .doc. A differenza del .doc, non si rischia di ottenere un’impaginazione diversa aprendolo con programmi diversi.

Queste due estensioni non sono ottimali per gli e-reader, in quanto non alterabili dal device. Una pagina doc o pdf verrà mostrata per intero e bisognerà zoomare per leggerla, per poi spostare la pagina per leggere il seguito.

TXT: testo puro e semplice. Non contiene dati che corrispondono al corsivo, al grassetto o alle intestazioni.

Epub: in realtà è una cartella compressa che contiene diversi file .txt ed eventualmente immagini (esempio quella di copertina). Si basa sul codice HTML5, è il formato più semplice per un libro digitale. Viene letto da diversi programmi per PC, per cellulari e la maggior parte dei reader si basa su questo formato.

Kepub: è il formato che i lettori Kobo leggono meglio. Quando comprate da un sito e scaricate il libro direttamente da internet (esempio comprando dallo store Kobo o passando da Adobe Digital Edition), vi verrà salvato come Kobo epub, o più semplicemente, kepub. Da proprietaria di Kobo, vi posso assicurare che i kepub vengono effettivamente letti meglio.

Mobi: formato proprietario di Amazon. Ha poche differenze con l’epub, al punto che credo sia l’unico formato in cui è davvero possibile convertire direttamente dall’epub.

CBR\CBZ: sono cartelle comprese. Vengono usati per leggere fumetti. Per il PC esistono programmi appositi di lettura (basta cercare lettori cbr\cbz per trovarne di gratuiti).

Faq#3⇒


Come per l’articolo precedente, vi chiedo di contattarmi nel caso troviate errori.

4 pensieri su “Scrittura | F.A.Q. #2 ~ Ebook e e-reader

  1. Pingback: F.A.Q. #3 Come recupero gli ebook? [Scrittura] | La Corte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...