Punti di vista|Distruggetemi

Bentornati all’appuntamento bisettimanale!

In questa rubrica io, Alice Jane Raynor e Omnilegent ci mettiamo alla prova scrivendo un componimento partendo da uno stesso tema.

Il tema di oggi è: descrivere un edificio che sente il trascorrere del tempo dopo tanti anni che è stato costruito, dal suo punto di vista.

Solo una luce su un palo ricorda che sono qui. Mi hanno abbandonato che non ero neanche nato, dimenticato dal mondo. Sono invecchiato, senza essere utile a nessuno. Il freddo ghiaccia le mie fondamenta e il sole fa sbiadire le scritte che i vandali fanno su quel poco di me che esiste, almeno loro vengono a trovarmi. Sono pericoloso. La gente mi sta alla larga, temono che possano farsi male. Nessuno mi vuole, ma al contempo nessuno ha coraggio di porre fine al mio dolore. Non ho funzione, non servo. Sono troppo rovinato affinché qualcuno decida di coprire i miei pali con del cemento o che quei bei pannelli in vetro che erano stati progettati. Qualche volta un pezzo di metallo si stacca e cade. E fa male a qualcuno. Ce ne sono altri come me, in particolare un edificio all’ingresso della superstrada. Il vento a volte porta il suo dolore. Sapete, una volta ci hanno portato una ragazza. Fu solo per una serie di circostanze fortuite che non successe nulla. E lui urla. Anch’io lo faccio. Gli occhi dei pendolari che mi guardano con disprezzo, che mi vorrebbero vedere distrutto, e ammetto che anch’io vorrei smettere di vedere gente farsi male. Sono stupidi a volere arrampicarsi su di me, ma essere la causa di dolore non mi piace. Avrei dovuto portare un po’ di vita in questa cittadina, invece sono diventato il simbolo di ciò che non sarebbe mai neanche dovuto partire, un progetto fallimentare. Prima o poi, il tempo mi ucciderà. Ma fino a quel momento, io resto qui, a soffrire il vento, la pioggia, la neve e il sole che gradualmente mi consumano.

***

Se abitate nei pressi della Brianza, forse conoscete l’ecomostro di Desio. Volevo descrivere un teatro in disuso, ma mentre scrivevo ho ripensato a quell’edificio. L’ho scritto di getto, senza ricontrollare quindi non so come è venuto. Spero che sia stato di vostro gradimento.


Per i racconti delle mie amiche, cliccate sui banner!
omnilegent


Se questo frammento vi è piaciuto, potete spulciare in Storie per altri miei scritti o fare un salto sul mio account Wattpad se vi è più comodo!

 

12 pensieri su “Punti di vista|Distruggetemi

  1. Bravissima! Cavolo mi è piaciuto un sacco.
    L’ho riconosciuto dai tuoi racconti e trovo che tu sia riuscita pienamente a rendere non solo l’idea di ecomostro (con il rancore dei passanti) ma anche le sensazioni che potrebbe davvero provare

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: Punti di vista – Edificio che sente il trascorrere del tempo – Alice Jane Raynor

  3. Nuuu piccino l’edificio! Mi è piaciuto moltissimo. Devo dire che ero curiosissima di sapere di quale edificio parlassi, visto che si capiva quanto fosse vicino alla tua realtà. Sarebbe stata bella anche l’idea del teatro ma penso che questo racconto sia stato più sentito!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...