Mi edito da sola

Questo non è un articolo con consigli per editarsi da soli, ma qualcosa di leggermente diverso.

Tempo fa ho riletto una mia vecchia storia, una che aveva ricevuto diversi pareri positivi. E niente, era orribile. Davvero scritta male, senza stile, scialba, con un banale elenco di azioni.

Ho sempre pensato di non essere pronta per un editing, perché qualcosa, in quei racconti non mi piaceva. Non sapevo bene cosa, ma non mi convincevano. Poi ho studiato, ho continuato a produrre storie brevi e infine, dopo anni ho scritto Havel, che trovai abbastanza decente.

Quindi mi sono detta: perché non edito quella vecchia storia che non mi piace più? E così fu. Purtroppo mi sono resa conto che un editing, per quel primo capitolo, non bastava. È stato alquanto invasivo, molto più simile, per certi versi, a una sessione di writing coach. 

Mi sono sentita sollevata di non aver tentato la via del self all’epoca e di essermi, invece, concentrata maggiormente sui racconti brevi, anzi brevissimi.

Vi lascio il link di Google Drive con il mio tentativo di auto-editing e il file con il racconto originario.

Penso, che proverò a riscrivere almeno primo pezzo, per vedere come uscirebbe con il mio stile attuale.


Seguitemi anche sul mio nuovo canale Telegram!

Puoi trovarmi anche

3 pensieri su “Mi edito da sola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...