Segnalazione | Bestie d’Italia volume 3

scheda

Autore: Autori Vari
Edizione: cartacea (14,00€) digitale (2,99€)
Casa Editrice: NPS Edizioni

Lupi, draghi, cervi e tori mannari. L’Italia è ricca di leggende, che si annidano, come folletti dispettosi, nelle cantine di ogni casa, nei giardini incolti, nei borghi antichi che costellano gli Appennini e che gridano di vita, nonostante gli uomini fatichino a udirne la voce. Eppure, come il canto delle sirene, a volte ammaliano i viandanti, conducendoli nei loro mondi fantastici.

Il progetto “Bestie d’Italia” parte dal recupero delle tradizioni folcloristiche italiane, per raccontarle a chi non le conosce, per guardare con occhi diversi il territorio, ricco di storia, misteri e magia.

La terza tappa di questo viaggio ci porterà lungo le coste del Mar Adriatico e dello Ionio, fino alle isole del Mar Mediterraneo, in compagnia di dieci scrittori italiani.

Il volume 3 di “Bestie d’Italia” contiene dieci racconti: Il sortilegio della Biddrina, di Giuseppe Gallato; Assedio notturno, di Francesca Cappelli; Bakunin aveva ragione, di Giuseppe Chiodi; L’urlo della vita, di Alessio Del Debbio; Respiro d’inverno, di Elena Mandolini; Il cavallo d’argento, di Alessandro Ricci; Il giorno della taranta, di Alessandra Leonardi; La natura vince su tutto, di Maria Pia Michelini; Fuga da Malaperla, di Debora Parisi; Caccia al drago, di Monica Serra.

Esistono leggende nate dai barlumi sempre mutevoli dell’immaginazione, leggende che danzano nell’empireo e ardono di magia: ataviche, affondano nelle radici dell’umanità e sfuggono al controllo della logica. Alcune hanno perfino la forza di insediarsi nel mondo, di farsi carne attraverso le gesta o le colpe di esigue anime, plasmando eroi o generando mostri.

Continua a leggere

Il calendario del tempo dovuto [Segnalazione]

Di solito tengo la domenica per la segnalazione, ma mi è arrivata questa segnalazione e ho voluto riproporla il prima possibile a causa della particolarità del progetto: non un libro, ma un calendario illustrato con dei disegni davvero dolcissimi.

“Ricordarci che esiste un Tempo fatto di speranza, sogni, creatività, futuro e rispetto per le persone, per l’ambiente e per i valori essenziali, un tempo dovuto, per essere NOI, nonostante il Covid-19.”

Nasce per questo e per sostenere la cultura il Calendario del Tempo Dovuto, un calendario d’autore davvero speciale firmato dall’artista Elisabetta Donaglia, in arte Betty Crea, e promosso dalle associazioni culturali Nati per scrivere L’Ordinario: interamente disegnato a mano, in copie limitate, su carta riciclata, a sostegno della cultura e soprattutto pieno di fantasia, colori e significati che ogni mese ci ricordano chi siamo.

Un messaggio forte, che rimette al centro l’umanità, ma anche un’idea regalo che sostiene la cultura per questo strano Natale 2020.

“Con la nuova emergenza Covid siamo ripiombati dentro un incubo fatto di incertezza e paura. Noi, che ci occupiamo da sempre di cultura, comunicazione, libri e persone, ci siamo chiesti cosa potevamo fare – spiegano Romina Lombardi e Alessio Del Debbio, presidenti della associazioni promotrici e direttori del Festival Lucca Città di Carta – Sentivamo il dovere di dare un segno, anche piccolo, ma simbolico, perché non ci dobbiamo e soprattutto non ci vogliamo arrendere alle brutture di questo periodo storico.

Nasce così l’idea del Calendario del Tempo Dovuto, in collaborazione con Elisabetta Donaglia, artista di grande sensibilità, che ci aiuta a sognare. Il calendario non è solo un’idea regalo benaugurante, il cui acquisto sosterrà iniziative culturali ad oggi ferme, ma quello che ci siamo immaginati, è che diventi una sorta di passa-valori, di casa in casa, di famiglia in famiglia, e che le persone, bambini e adulti, guardando le illustrazioni, possano ricordarsi dei sogni e delle speranze che avevano prima di questo virus.

E che esiste un tempo che dobbiamo a noi stessi e che nessuno ci deve portare via.

Per questo invitiamo chi può permetterselo, aziende o singole persone, a fare questo piccolo gesto e a condividere poi il calendario sui social con l’hahstag #iltempodovuto2021”.

Il calendario, stampato su carta speciale riciclata, è composto da dodici illustrazioni, una per ogni mese, che rappresentano i ricordi, l’amicizia, il gioco, gli incontri, che tanto ci mancano, la creatività, i sogni, la sorpresa, la curiosità, il rispetto, i colori, la fantasia e la magia.

Tutte le illustrazioni possono essere ritagliate e diventare, finito l’anno, dei piccoli quadri con cui addobbare la propria casa.

Per informazioni e richieste:
Ufficio Stampa L’Ordinario/Nati per scrivere
Telefono: 347-1917818
Mail: rominaeventi@gmail.com
Mail: natiperscrivere@hotmail.com

Recensione | Il mistero di Virginia Hayley

Autore: Alessio Filisdeo
Edizione: cartacea (13,30€) digitale (2,99€)
Casa Editrice: NPS Edizioni
Dimensioni: 160 pagine, 1386 KB

Trama:

Londra. Autunno 1892.
Una serie di efferati delitti a sfondo rituale sconvolge la città e l’opinione pubblica.
Un investigatore oppiomane, un’elegante dama straniera, un americano dai modi spicci e un vecchio cacciatore aristocratico si ritrovano a indagare sull’omicidio della giovane Virginia Hayley, che Scotland Yard cerca pervicacemente di nascondere.
In una corsa contro il tempo, tra bassifondi degradati, sontuose sale da ballo e magioni infestate da antiche presenze, i quattro riluttanti compagni si ritroveranno invischiati loro malgrado in un inquietante complotto interno all’Impero Britannico, cercando al contempo di scongiurare il Crepuscolo di Ra e l’avvento del caos.

«Qualunque organo governativo rappresentiate realmente, di qualunque società segreta o circolo facciate parte, dimenticate gli accadimenti connessi a Virginia Hayley. Inseguirli, e badate che questa non è una minaccia, vi distruggerà.
Il mondo, dicono, è un luogo oscuro e crudele. Credetemi, non volete sapere quanto in realtà sia ancora più oscuro e crudele».

Link

Continua a leggere

Segnalazione | Quando Betta filava

“Quando Betta filava” (ma non era Berta?), basta il titolo a farci capire di cosa parlerà questa raccolta di racconti: un bel viaggio nella riscoperta della nostra tradizione. È la seconda che vi presento questa settimana, poi dicono che non le pubblicano!

Bellissima  la copertina: un filo blu, quello di Betta immagino, che lega i protagonisti dei racconti di Alessio Del Debbio. La donna è in rosso e risalta nonostante la posizione decentralizzata. L’ala del corvo ci fa facilmente immaginare che l’immagine prosegua nel retro.

Autore: Alessio Del Debbio
Edizione: cartacea (14,99€) digitale (2,99€)
Casa Editrice: NPS Edizioni

Link

AmazonNPS

Continua a leggere